fbpx

Jurij Gagarin, il primo uomo che vide la Terra dallo spazio

Jurij Gagarin

Sessanta anni fa Jurij Gagarin lasciava il pianeta e conquistava lo spazio, osservando, per la prima volta nella storia umana, la Terra dal vuoto oscuro oltre l’atmosfera. Aveva compiuto 27 anni da un mese.

Jurij Gagarin, l’astronauta figlio di un falegname

Nato in una famiglia umilissima di Klušino, a soli 7 anni visse l’invasione nazista. Un ufficiale tedesco requisì la casa della sua famiglia, la costrinse a vivere in una piccola capanna di fango nei campi per poi spedire i due fratelli maggiori di Jurij ai lavori forzati in Polonia. Quando la guerra finì e i nazisti furono cacciati, la famiglia Gagarin se ne andò da Klušino a Gzhatsk, dove Jurij poté riprendere gli studi.

Un percorso, il suo, che sembrava già deciso. Figlio di contadini, fratello di contadini e artigiani, era destinato al lavoro manuale, probabilmente in acciaieria. Ma la passione per il volo cambiò il suo e il nostro futuro. Iniziò a studiare volo a Saratov, nei fine settimana, mantenendosi lavorando come marinaio sul Volga. A 21 anni riuscì a entrare nella scuola di volo di Orenburg e il resto divenne storia.

Il 12 aprile del 1961 Jurij Gagarin esclamava Pojéchali! (Andiamo!) alla radio mentre lasciava la superficie terrestre col Vostok 1. Raggiunse l’altitudine di 302 km viaggiando a 27.400 km/h. Fu allora che Jurij vide il nostro pianeta dallo spazio: «Il cielo è molto nero, la Terra è azzurra. Tutto può essere visto molto chiaramente». Da allora la nostra casa divenne “il pianeta azzurro”.

Gagarin rientrò paracadutandosi dal Vostok quando ridiscese a 7.000 metri. Non sapeva, nel momento stesso in cui diventava leggenda per il mondo intero, che quel suo volo nello spazio sarebbe stato l’apice della sua vita. Morì, infatti, solo sette anni dopo mentre volava sui suoi amati aerei. Aveva compiuto 34 anni meno da meno di un mese.

«In tutti i tempi e in tutte le epoche la più grande felicità per le persone è stata partecipare a nuove scoperte».

Jurij Gagarin
Il maggiore Jurij Gagarin
Il maggiore Jurij Gagarin

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: