fbpx

La Medusa di Luciano Garbati è ‘vera’ quanto tutte le altre

La statua di Medusa di Luciano Garbati, eretta davanti al tribunale di New York dove Harvey Weinstein è stato condannato per violenza sessuale, è il simbolo più potente che la rivoluzione culturale di questi anni abbia, finora, prodotto. Dopo tante statue abbattute e opere cancellate è infine nato qualcosa di nuovo. Da sempre i mitiContinua a leggere “La Medusa di Luciano Garbati è ‘vera’ quanto tutte le altre”

Quando Jean-Paul Sartre rifiutò il Premio Nobel per la Letteratura

Era il 22 ottobre del 1964 quando Jean-Paul Sartre, il più famoso filosofo dell’epoca e compagno della grande Simone de Beauvoir, seppe di aver vinto il premio Nobel per la Letteratura. D’altronde, in quell’anno aveva ormai pubblicato i libri più importanti della sua produzione: La nausea, Il muro, L’età della ragione. Sartre allora rifiutò ilContinua a leggere “Quando Jean-Paul Sartre rifiutò il Premio Nobel per la Letteratura”

La morte di Mu’ammar Gheddafi durante il colpo di stato in Libia

Quando le Primavere Arabe investirono la Libia di Gheddafi, il mondo vide uno spiraglio di luce democratica per il Nordafrica. Ma quello spiraglio si chiuse rapidamente nel violento vortice della guerra civile. La reazione di Gheddafi alla Primavera Araba Mu’ammar Gheddafi non era, infatti, persona da arrendersi a una sollevazione popolare e impiegò, da subito,Continua a leggere “La morte di Mu’ammar Gheddafi durante il colpo di stato in Libia”

Femminicidio: Ciudad Juarez, la città che odia le donne

È famosa per il femminicidio, ma Ciudad Juarez è prima di tutto una città di confine, la più importante dello stato di Chihuahua. Una regione cuscinetto dove centinaia di ragazze arrivano dall’interno del Messico per varcare la “frontiera della speranza” con gli USA. Vittime perfette Hanno tra i 15 e i 25 anni e cercanoContinua a leggere “Femminicidio: Ciudad Juarez, la città che odia le donne”

La decapitazione di Maria Antonietta fu un femminicidio di stato?

La decapitazione di Maria Antonietta fu un femminicidio di stato? «S’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche!» Se non hanno pane che mangino brioche era la frase attribuita alla Regina, un falso, di cui parla ne Le confessioni Jean Jaques Rousseau, per aizzare la folla affamata contro Maria Antonietta, colpevole di almenoContinua a leggere “La decapitazione di Maria Antonietta fu un femminicidio di stato?”

Perché devi vedere Il grande dittatore di Charlie Chaplin

Era il 15 ottobre del 1940 quando uscì nei cinema Il grande dittatore di Charlie Chaplin. La guerra infuriava in Europa e il gigante americano ancora dormiva oltre l’Atlantico, restio a intervenire, prima che l’attacco a Pearl Harbor lo risvegliasse l’anno seguente. Il grande dittatore di Charlie Chaplin Chaplin iniziò a scrivere il suo filmContinua a leggere “Perché devi vedere Il grande dittatore di Charlie Chaplin”

Il gruppo mascherato che combatteva il razzismo e il Ku Klux Klan

Era un gruppo mascherato contro il razzismo, sconosciuto e quasi leggendario, che cento anni fa combatteva il Ku Klux Klan sulle strade di Buffalo. Sappiamo poco di loro, ma quel poco è entrato nella storia. La diffusione del Ku Klux Klan Il Ku Klux Klan non operava solo nel profondo sud. Nel 1915 lo straordinarioContinua a leggere “Il gruppo mascherato che combatteva il razzismo e il Ku Klux Klan”

Il disastro del Vajont: la diga che sgretolò la montagna

Il disastro del Vajont si compie alle 22:53 del 9 ottobre 1963. Gli abitanti di Longarone sono in casa a guardare la finale di Champions League tra Real Madrid e Glasgow Rangers. Nella notte un pezzo del Monte Toc, 270 milioni di metri cubi di roccia, frana nel grande lago che, incoronato dalla possente digaContinua a leggere “Il disastro del Vajont: la diga che sgretolò la montagna”

Le scelte e la morte di Ernesto Che Guevara

Ernesto Che Guevara scelse la lotta consapevolmente non perché costretto dalle circostanze. Guevara avrebbe potuto restare nella sua grande casa borghese in Argentina, seguire le orme del padre imprenditore, ereditarne le ricchezze e, come primogenito di cinque figli, gestire gli affari della sua vasta famiglia. Sarebbe morto anziano, circondato da un’atmosfera famigliare ricca e serena.Continua a leggere “Le scelte e la morte di Ernesto Che Guevara”

L’omicidio di Anna Politkovskaya in Russia

Il 7 ottobre del 2006 era il compleanno di Putin e Anna Politkovskaya veniva trovata nell’ascensore del suo palazzo a Mosca, un colpo di pistola in testa l’aveva uccisa. Per anni la sua battaglia contro la “corruzione e l’incompetenza imperante” del governo russo l’aveva trasformata in una nemica del regime. Il nemico Anna Politkovskaya «SonoContinua a leggere “L’omicidio di Anna Politkovskaya in Russia”